eum

edizioni università di macerata

sottoscrivi Newsletter

Valuta: €

Carrello  

Non ci sono prodotti

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Cassa

 
resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
Dalle Accademie Agrarie all'Università Mostra a grandezza intera

 
 

Informazioni

Dalle Accademie Agrarie all'Università

L'istituzionalizzazione dell'economia politica a Macerata e nelle Marche

Bini Piero, Spalletti Stefano (a cura di)

eum dir

Disponibilità: disponibile

21,85 €

Prezzo ridotto!

-5%

23,00 €

Note sul testo

Questo libro contiene i risultati di varie ricerche effettuate originariamente nel corso degli anni Novanta da alcuni studiosi legati all'Università di Macerata, coordinati da Piero Bini. Tali ricerche dimostrano che l'economia politica ha fornito un non trascurabile contributo al processo di modernizzazione economica, politica e civile del territorio marchigiano durante tutto l'Ottocento, ma soprattutto nel periodo post-unitario. Un momento in un certo senso emblematico di questo processo è da ravvisarsi nell'istituzione, nel 1861, della cattedra di economia politica presso l'Università di Macerata.

Note sull'autore
Contributi di
Piero Bini, Daniela Giaconi, Francesca Foderoni, Francesco Sandroni, Stefano Spalletti.

  • Autore/i Bini Piero, Spalletti Stefano (a cura di)
  • Codice ISBN (print) 978-88-6056-256-2
  • Numero pagine 543
  • Formato 14x21
  • Anno 2010
  • Editore © 2010 eum edizioni università di Macerata
Orizzonti della Marca
Eum Redazione

Personaggi di Marca
Francesco Coletti, un economista riscoperto
San Severino marche 1866 - ivi 1940

Orizzonti della Marca, 9 gennaio 2021, p. 7

Lo scorso 19 dicembre ricorreva l’ottantesimo anniversario della morte dell’economista sanseverinate Francesco Coletti (1866-1940). Caduto per decenni nell’oblio, Coletti – statistico, studioso di problemi dell’emigrazione e soprattutto attento osservatore della realtà rurale italiana – è stato “riscoperto” in anni recenti per iniziativa di Stefano Spalletti, docente di storia del pensiero economico, il quale ha favorito il riaccendersi di un certo interesse dei ricercatori sull’opera dell’economista marchigiano: prima con un apposito convegno organizzato presso l’Università di Macerata, poi con la costituzione all’interno del dipartimento di scienze politiche dello stesso ateneo di un gruppo di ricerca finalizzato ad approfondire l’opera e il pensiero dell’economista sanseverinate. Anche il comune di San Severino, dal 2013, ha aperto alla consultazione degli studiosi il fondo librario e le carte dell’illustre settempedano conservati presso la biblioteca civica «Francesco Antolisei».
Francesco Coletti nacque a San Severino il 10 luglio 1866 da una famiglia della nobiltà agraria locale. Suo padre Giuseppe, al quale sono intitolati i giardini pubblici della città, fu sindaco subito dopo l’Unità d’Italia. Dopo la laurea in giurisprudenza Coletti volse i suoi interessi nel campo dell’economia e della statistica, approfondendo gli studi prima a Roma e successivamente a Pavia. Rientrato a San Severino, fu nominato segretario della Camera di commercio di Macerata e in tale veste realizzò il suo primo importante studio su «Industria armentizia, imposte e mezzi per favorire i piccoli proprietari ovini nella zona montana delle provincie ex-pontificie». Lo attendeva però una brillante carriera accademica (docente di economia politica a Macerata, Roma e Cagliari, ordinario di statistica a Sassari e poi di demografia e statistica a Pavia) accompagnata da un’intensa attività pubblicistica, tra cui si annovera una nutrita collaborazione anche al «Corriere della sera». Gli si aprirono le porte anche di diversi prestigiosi incarichi nazionali: dopo essere stato per alcuni anni segretario della Società degli agricoltori italiani, fu nominato segretario generale della commissione d’inchiesta sulle condizioni dei contadini meridionali (1907-1911) e fu componente del Consiglio superiore di statistica dal 1910 al 1926. Sul fronte politico, dopo l’iniziale adesione al movimento socialistaliberale dell’epoca, Francesco Coletti si avvicinò in seguito al partito radicale che «egli vedeva – scrive Paola Magnarelli nel “Dizionario biografico degli italiani” – come forza politica equilibratrice fra sinistra e classe dirigente liberale, in grado di fare la ‘media concreta’ fra le irrinunciabili istanze sociali messe in luce dal marxismo e gli interessi della produzione».
Alla vigilia della prima guerra mondiale fu tra i favorevoli all’intervento armato dell’Italia e durante gli anni del regime mussoliniano Coletti assunse una posizione di “antifascismo eminentemente privato” che gli permise di proseguire indisturbato la carriera accademica e scientifica, tanto da essere unanimemente riconosciuto in quegli anni tra i più autorevoli esperti di economia agraria esistenti nel Paese e in tale veste designato a rappresentare l’Italia in importanti consessi internazionali. Fu anche nominato socio dell’Accademia dei Georgofili e dell’Accademia dei Lincei. Nel 1936, al compimento dei settant’anni di età, si ritirò nella villa di famiglia a Cesolo di San Severino dove trascorse i suoi ultimi quattro anni di vita.
In occasione del convegno di alcuni anni fa a Macerata, il professor Spalletti fece notare come Francesco Coletti sia stato, insieme a Ghino Valenti e Maffeo Pantaleoni, uno dei «tre eminenti economisti e statistici italiani moderni, tutti nati per un eccezionale capriccio della sorte in provincia di Macerata» negli anni in cui si andava delineando l’Unità d’Italia. Con il maceratese Ghino Valenti (1852-1921), l’economista sanseverinate addirittura si trovò a collaborare nel 1913 nell’inchiesta agrologica sulla Tripolitania settentrionale. Con Maffeo Pantaleoni (1857 – 1924), invece, Coletti ebbe a dibattere a lungo – spesso con forte vis polemica – sul piano eminentemente scientifico. Come annota Francesca Foderoni nel volume collettaneo «Dalla Accademia agrarie all’Università» (a cura di P. Bini e S. Spalletti, Eum edizioni), Coletti contestava all’economista maceratese e futuro senatore soprattutto il suo “acceso liberismo”.

 
Pagina:1