eum

edizioni università di macerata

sottoscrivi Newsletter

Valuta: €

Carrello  

Non ci sono prodotti

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Cassa

resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
La colonia eritrea Mostra a grandezza intera

 
 

Informazioni

La colonia eritrea

La prima amministrazione coloniale italiana (1880 - 1912)

Rosoni Isabella

Disponibilità: disponibile

16,00 €

Prezzo ridotto!

-20%

20,00 €

Note sul testo

Sempre, quando si prende in esame l’assetto istituzionale di una colonia vi si legge in controluce l’immagine della madrepatria. Anche nella Colonia Eritrea, si riflesse, rimpicciolita ma fedele nel rispecchiamento dei vizi e delle virtù, l’Italia di fine secolo. Tuttavia, sarebbe un errore pensare che le istituzioni coloniali siano state delle semplici copie di quelle della madrepatria: furono piuttosto il risultato di un metissage fra il modello italiano, lontano ma comunque rodato da una esperienza almeno decennale, e la realtà locale, spesso mal compresa e usata strumentalmente. L’amministrazione coloniale italiana fu condizionata, oltre che dall’esempio delle esperienze altrui, dalla scarsa esperienza maturata, dalle limitate risorse locali e metropolitane, dalla esigenza di governare unendo il massimo di efficienza al minimo di spesa: la ricerca delle forme di organizzazione amministrativa fu lenta e laboriosa, e seguì le tappe delle conquiste coloniali. Il presente volume rintraccia questa parabola, mettendo in evidenza i limiti e le incertezze dell’amministrazione e al contempo le qualità degli uomini ai quali venne affidato il compito di organizzare un sistema di governo coloniale. Nella ricostruzione del susseguirsi di accentramenti e decentramenti di poteri, separazioni e unificazioni di competenze, creazioni e soppressioni di funzioni, scaturiscono, ben delineate, le figure giuridico-amministrative della Colonia: il governatore, i funzionari coloniali, gli organi di consulenza e di giurisdizione.

Note sull'autore

Isabella Rosoni insegna Storia delle Istituzioni politiche all’Università di Macerata. Tra i suoi lavori principali Criminalità e giustizia penale nello Stato Pontificio del secolo XIX (Milano, Giuffrè, 1988) e Quae singula non prosunt collecta iuvant. La teoria della prova indiziaria nell’età medievale e moderna (Milano, Giuffrè, 1995).

  • Autore/i Rosoni Isabella
  • Codice ISBN 88-6056-001-2
  • Linea Editoriale eum dir
  • Numero pagine 320
  • Formato 14x21
  • Anno 2006
  • Editore © 2006 eum edizioni università di Macerata
Un massone che salvò l'Eritrea italiana
Eum Redazione

di Antonio Carioti, Corriere della Sera 21 settembre 2006

Centodieci anni fa l'avventura coloniale italiana in Africa sembrava agli sgoccioli.
Presso Adua, nel marzo 1896, le truppe del generale Oreste Baratieri erano state sbaragliate dai guerrieri etiopi del negus Menelik: circa seimila morti, quasi duemila prigionieri da riscattare a peso d'oro, una catastrofe. In patria le polemiche furono feroci.
Il capo del governo Francesco Crispi dovette uscire di scena, l'opposizione chiese l'abbandono dei possedimenti africani. Si avviarono trattative riservate per la cessione dell'Eritrea al re del Belgio Leopoldo II, mentre la città di Cassala veniva lasciata alla sfera d'influenza britannica.
Apparentemente non c'era futuro. E invece il nuovo governatore civile dell'Eritrea Ferdinando Martini, un ex ministro di estrazione massonica legato a Giuseppe Zanardelli, riuscì a raddrizzare la situazione. A elogiarne l'opera è la studiosa Isabella Rosoni, il cui saggio La Colonia Eritrea (Edizioni Università di Macerata pagine 318, € 20) spazia in un periodo storico di oltre trent'anni. Lavorando alacremente dal 1897 al 1907, Martini diede all'Eritrea ordinamenti definiti, servizi pubblici funzionanti, un embrione di sviluppo economico, una macchina amministrativa decente. Il tutto, sottolinea la Rosoni, con «pochi soldi», perché l'Italia dell'epoca non poteva certo permettersi grandi investimenti in Africa.
Si erano poste così le premesse per un'esperienza coloniale duratura, alla quale coloro che vi hanno preso parte continuano a sentirsi legati.
Se ne parlerà al prossimo raduno dell'Associazione nazionale reduci e rimpatriati d'Africa (Anrra), in programma a Como nei giorni 30 settembre e 1 ottobre (informazioni al numero 02.48013503). Un'occasione per ricordare vicende che la ricerca storica, come dimostra il lavoro della Rosoni, va riscoprendo con sempre maggiore interesse.

 
Pagina:1