eum

edizioni università di macerata

subscribe to Newsletter

货币: €

购物车  

没有商品

0,00 € 配送费
0,00 € 总计

购物车 结账

 
resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
Stelle e strips View full size

 
 

Condizioni di vendita

Stelle e strips

La stampa a fumetti italiana tra americanismo e antiamericanismo (1935-1955)

eum x

Availability: disponibile

16,15 €

Reduced price!

-5%

17,00 €

Note sul testo

Il volume prende in esame la stampa a fumetti prodotta in Italia tra la seconda metà degli anni Trenta e la prima metà degli anni Cinquanta, rilevando l’atteggiamento da essa serbato nei confronti del mito americano e la tendenza a farsi latrice tanto della propaganda americanista quanto di quella antiamericanista. Nella prima parte, lo studio dei principali periodici illustrati per ragazzi consente di analizzare approfonditamente le serie a fumetti, evidenziandone i caratteri e le finalità. Nella seconda parte, lo spoglio da un lato di quotidiani e periodici e dall’altro di inchieste e dibattiti parlamentari dimostra come il regime fascista prima e i due principali partiti di massa del dopoguerra poi osteggiarono i fumetti in quanto sottoprodotto culturale della società americana, tentando di impedirne la diffusione e proibirne la lettura. Per questo motivo, i fumetti furono accusati di alterare il normale sviluppo intellettuale e cognitivo dei giovani lettori e di pervertirne irrimediabilmente il senso morale, inducendoli alla delinquenza minorile. In ambito accademico, dimenticata la lezione di Arturo Carlo Quintavalle, Umberto Eco e Giovanni Genovesi, la stampa a fumetti è spesso abbandonata alla curiosità di appassionati e cultori della materia più che affidata allo studio degli storici della cultura e dell’educazione. Questo volume, suffragato da una vasta documentazione e da un’appropriata ricostruzione dei contesti e dei problemi, rompe con intelligenza un muro che ripropone pregiudizi culturali duri a morire.

Note sull'autore

Juri Meda è dottore di ricerca in storia presso l’università degli Studi di Parma. Attualmente collabora con l’istituto nazionale di documentazione per l’innovazione e la ricerca educativa di Firenze, in qualità di responsabile della biblioteca e dell’archivio storico. Ha pubblicato numerosi articoli e saggi su riviste scientifiche, dedicati alla storia dell’infanzia italiana in età contemporanea. Nel 2006 è entrato a far parte della redazione della rivista “History of education and children’s literature”.

Note
torrossastore Casalini site for e-commerce: http://digital.casalini.it/9788860560667

  • Autore/i Meda Juri
  • Codice ISBN (print) 978-88-6056-066-7
  • Numero pagine 282
  • Formato 14,5x20,5
  • Editore © 2007 eum edizioni università di Macerata
History of Education & Children’s Literature (HECL) II/2 2007
Eum Redazione

Davide Montino recensisce i volumi di Juri Meda “Stelle e strips. La stampa a fumetti italiana tra americanismo e antiamericanismo (1935-1955)” e “È arrivata la bufera. L’infanzia italiana e l’esperienza della guerra totale (1940-1950) sulle pagine di «History of Education & Children’s Literature» (HECL), II, 2 2007, pp. 443-445.

“I due lavori di Juri Meda, attualmente responsabile dell’Archivio storico dell’INDIRE di Firenze, si prestano ad essere presentati insieme poiché rappresentano un itinerario di ricerca unitario. Fin dagli studi che sono alla base di Stelle e strips, infatti, Meda indirizza i suoi interessi al mondo dell’infanzia cercando di recuperare fonti poco note o per nulla studiate. È il caso delle tante pubblicazioni a fumetti, da quelle più note a quelle meno, che ha passato in rassegna, come dei quaderni di scuola, che la sua attività di responsabile dell’Archivio storico dell’Istituto nazionale di documentazione per l’innovazione e la ricerca educativa di Firenze (dal 2007 Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica) gli ha permesso di frequentare con assiduità. Non è solo la capacità di sondare nuova documentazione a rendere i due lavori contigui, ma anche e soprattutto la vocazione ad utilizzare le fonti per tessere l’intreccio di una storia sociale dell’infanzia attenta anche agli aspetti legati all’immaginario infantile, sia come lo prospettano gli adulti che, operazione molto più complessa, sia come lo esplicitano i bambini stessi…”

La recensione completa è disponibile nella sezione Download.

 
Pagina:1