eum

edizioni università di macerata

sottoscrivi Newsletter

Valuta: €

Carrello  

Non ci sono prodotti

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Cassa

resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
  • Alla Fiera Più libri più liberi di Roma le eum presentano il volume "Auðun e l’orso. Un racconto medievale islandese" di Carla Cucina


    In occasione della Fiera Più libri più liberi di Roma, giovedì 7 dicembre alle ore 15.30 in Sala Giove, la casa editrice dell’Ateneo maceratese propone il volume Auðun e l’orso. Un racconto medievale islandese. Con l’autrice intervengono Rosa Marisa Borraccini, docente dell'Università di Macerata e Presidente delle eum, Diego Poli, docente dell'Università di Macerata, e Lorenzo Lozzi Gallo, docente dell'Università di Messina.

    Auðun e l’orso. Un racconto medievale islandese si rivolge agli appassionati della cultura vichinga, ma nasce in un contesto accademico, in particolare dall’interesse degli studenti universitari per la letteratura norrena. Il libro si propone come uno strumento utile sia a guidare l’accostamento diretto al testo antico sia a filtrare alcune delle questioni critiche attualmente più controverse dell’analisi specialistica riferita alla prosa islandese antica e ai generi o influssi che in essa si riconoscono.
    L’Auðunar þáttr vestfirzka o “Racconto di Auðun dei-fiordi-occidentali” costituisce infatti una delle più note e interessanti opere di narrativa breve del medioevo islandese. La storia del giovane pellegrino che visita le corti scandinave con un orso polare al seguito, curiosa e a tratti divertente, modellata sulle strutture universali della novella popolare e insieme specificamente nordica, viene presentata sia nel testo originale sia, per la prima volta, in traduzione italiana, e corredata da un'attenta analisi che rende conto delle sue organiche combinazioni polisemiche e dei vari possibili livelli - mimetico, storico, antropologico, simbolico - in cui pienamente si realizza la comunicazione narrativa.

    Carla Cucina è ordinario di Filologia germanica all’Università di Macerata. Le sue ricerche si rivolgono agli ambiti nordico e inglese antico, con particolare riguardo all’epigrafia runica e alla produzione letteraria – poetica e in prosa – su manoscritto. Autrice di saggi sulla letteratura islandese antica e anglosassone, la runologia vichinga e medievale, la circolazione e lo studio delle rune in età umanistica, ha scritto tra l’altro i libri Il tema del viaggio nelle iscrizioni runiche (Pavia 1989), Vestr ok austr. Iscrizioni e saghe sui viaggi dei vichinghi (Roma 2001), Il Seafarer. La navigatio cristiana di un poeta anglosassone (Roma 2008), e, per i tipi delle eum, Libri runici del computo. Il calendario di Bologna e i suoi analoghi europei (Macerata 2013).

    “Un uomo si chiamava Auðun, originario della regione dei Fiordi occidentali e non molto ricco. Partì per mare oltre i fiordi ad ovest con l’aiuto di Þorsteinn, un buon possidente, e del comandante Þórir, che aveva trovato ospitalità durante l’inverno presso Þorsteinn. Anche Auðun era stato lì e aveva lavorato per lo stesso Þórir, ricevendone come ricompensa un passaggio oltremare e protezione. Questo Auðun dispose la maggior parte della propria ricchezza a vantaggio di sua madre, prima di imbarcarsi sulla nave, e si convenne che essa avrebbe fornito mezzi di sostentamento (sufficienti) per tre anni.
    Ed ora prendono il largo e il viaggio è loro propizio [...]. E all’inizio dell’estate seguente essi salparono per la Groenlandia e vi si trattennero durante l’inverno. Si dice che Auðun lì compra un orso, un animale di grandissimo valore, e per esso dette via tutto ciò che possedeva...”

    Scarica l'invito

    Maggiori informazioni: sito della Fiera Più libri più liberi

    2017-12-01 12:18:54