eum

edizioni università di macerata

sottoscrivi Newsletter

Valuta: €

Carrello  

Non ci sono prodotti

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Cassa

resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
Il ladro di libri e altre bibliomanie Mostra a grandezza intera

 
 

Informazioni

Il ladro di libri e altre bibliomanie

Amat Nuria

eum dir

Disponibilità: disponibile

12,00 €

Prezzo ridotto!

-20%

15,00 €

Autore/i: Nuria Amat
 

El ladrón de libros
Traduzione italiana di Nuria Pérez Vicente, Eleonora Luzi

Note sul testo

Fino che punto può giungere la passione per i libri? Cosa succede quando vita e libro tendono a confondersi? Che futuro ha il libro nell’epoca digitale? Questo metalibro o "libro sui libri" di Nuria Amat, affermata scrittrice spagnola ancora poco nota in Italia, prova in modo efficace a dare risposta a tutte queste domande. Il lettore si troverà di fronte ad una esperta di libri, forse persino maniaca, che ha fatto della lettura e della scrittura una religione di vita. Invenzione stilistica e immaginazione narrativa vengono applicate ai libri e ai modi in cui si scrivono: le riflessioni sulla comparsa del computer sono illuminanti suggestioni sul nostro tempo tecnologico e sul dibattuto ruolo del libro di carta. Tutto ciò in mano ad una vera alchimista del linguaggio, una autentica virtuosa della scrittura, capace di godere con il gioco letterario coinvolgendo in esso il lettore, il quale scoprirà un mosaico di testi – saggio, romanzo, apocrifo, riflessione ed esperienza – e una galleria di autori – Sartre, Proust, Eco, García Márquez, Cervantes – che la Amat sa interpretare e restituire con voce propria.

Note sull'autore
Nuria Pérez Vicente è laureata in Filologia Ispanica presso l’Università Autonoma di Madrid. Dottore Europeo di Ricerca in Filologia Ispanica. Ricercatrice confermata e docente di Lingua e Traduzione Spagnola presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Macerata. Traduttrice.
Eleonora Luzi è dottoressa in Lingua e letteratura spagnola e dottoressa magistrale in Storia – Indirizzo Archivistico-librario. Bibliotecaria.

Indice

Nuria Amat, l’alchimista della parola di Nuria Pérez Vicente

Prologo

Storia personale del libro
Dal libro liturgico al libro tascabile; Il libro: oggetto di passione; Vetrine magiche; L’inseguimento di un titolo; Librerie dell’usato; Il giorno del libro; L’erotica del libro; Spie delle biblioteche altrui; Bibliotecaria ante litteram; Biblioteca vissuta

La biblioteca che altri chiamano l’universo
Un esemplare catalogo di autorità; Il culto del libro; Memoria creativa; Biblioteche di ornamento e biblioteche di lavoro; Misfatti e altre debolezze di chi è dipendente dal libro; Incendio nella biblioteca; Selezione delle opere consultate

Diagnosi della malattia, quattro casi di bibliomani e una bibliografia
1.; 2.; 3.; 4.; Bibliografia

Lo scrittore informatizzato
L’io elettronico e letterariamente frazionato; Dal libro stampato al libro elettronico; La macchina o l’oblio artificiale della memoria

Il ladro di libri
1.; 2.; 3.; 4.; 5.; 6.; 7.; 8.; 9.; 10.

Linguaggio assassino
Discorso d’ammissione all’Accademia di Scrittori Intelligenti e Macchine Superintelligenti, di Nuria Amat, e risposta da parte dell’accademica intelcomp 45, n° di serie 2184, di nome Conrad
1. L’informazione scientifica alla portata di tutti; 2. Gli scrittori intelligenti, documentalisti esemplari; 3. Dalla tecnologia dell’informazione alla tecnologia del sapere; Risposta

  • Autore/i Amat Nuria
  • Codice ISBN 978-88-6056-431-3
  • Linea Editoriale eum dir
  • Numero pagine 160
  • Formato 14x21
  • Anno 2015
  • Editore © 2015 eum edizioni università di macerata
Ticontre. Teoria Testo Traduzione
Eum Redazione

Nuria Pérez Vicente, “Nuria Amat. Traducir la ambigüedad”, in «Ticontre. Teoria Testo Traduzione», VIII, (2017), pp. 273–289.

"Este artículo se centra en lo que hemos llamado “escritura ambigua” de una de las más destacadas escritoras españolas contemporáneas, Nuria Amat, y en su traducción. La razón de tal ambigüedad es, como dirían Gloria Anzaldúa y Pilar Godayol, que su escritura se mueve en terrenos propios de la frontera: frontera entre géneros, porque en ella conviven ensayo, novela, aforismo, poesía; entre ficción y realidad, ya que lo autobiográfico se mezcla con lo ficticio; y, sobre todo, frontera lingüística porque, siendo su lengua materna el catalán, la autora escribe en un castellano “que no le pertenece”. Ello da lugar, como veremos, a una lengua “otra”, rica de formas y significados, tanto que algunos han definido a Amat como “alquimista” o incluso “bricolagista” de la palabra..."

L’articolo è reperibile al sito http://www.ticontre.org e nella sezione download

 
Scaffale
Eum Redazione

Per la rubrica "Scaffale" in onda all’interno di "Buongiorno Regione" e del "TG Marche" l’11 gennaio 2017 Maria Francesca Alfonsi ha segnalato il volume di Nuria Amat “Il ladro di libri e altre bibliomanie” tradotto da Nuria Pérez Vicente e Eleonora Luzi.

Guarda la puntata (min. 24.00 ca)
http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/multimedia/ContentItem-7867408f-04b5-42c6-98db-3b484a4412b6.html

 
RESEÑAS
Eum Redazione

Di Elena Carpi, RESEÑAS, CUADERNOS AISPI, 8 (2016), pp. 261-263

Nuria Pérez Vicente, profesora de la Universidad de Macerata y Eleonora Luzi, doctora por esta misma Universidad, proponen a la atención del público italiano una autora española escasamente conocida, ya que su única obra traducida ‒ Mostri, al cuidado de Danilo Manera ‒ remonta a 1995. Nuria Amat es una escritora nacida en Barcelona, cuyo cosmopolitismo la ha llevado a vivir en Estados Unidos, Europa y México; sus obras ‒ novelas, relatos, ensayos, artículos ‒ han sido traducidas en muchos países europeos y extraeuropeos.
La traducción de Pérez Vicente y Luzi de El ladrón de libros y otras bibliomanías (1988), una de las primeras obras de Amat, brinda al lector la posibilidad de reflexionar sobre lo que significa ser un bibliófilo, de interrogarse sobre la relación con el libro considerado como “oggetto di passione” (24), pero también, al mismo tiempo, sobre lo que significa ser escritor. Como subraya la misma Amat en el prólogo, se trata de un “libro sul libro” (19), que escapa a una rígida clasificación por géneros y manipula la ficción literaria jugando con la autobiografía, verdadera y fingida. Es una colección de relatos que posee contornos difuminados y borrosos, y que juega con espejismos.
El primer relato, “Storia personale del libro”, introduce al lector en el nacimiento y desarrollo de la bibliofilia de la autora, analizada a través de la “erotica del libro” (31), considerado un objeto de deseo, perseguido y huidizo. El título del segundo, “La biblioteca che altri chiamano universo”, que juega con el íncipit de la “Biblioteca de Babel” de Borges, induce a considerarlo un relato, aunque presente una bibliografía final y las notas a pie de página típicas de un ensayo científico. El tercero, “Diagnosi della malattia”, tiene asimismo las características de un ensayo científico, pero está formado por cuatro cuentos intercalados.
Los relatos finales – que comparten con los primeros la opacidad del género - proponen el tema del papel de la informática tanto en la vida de los ciudadanos de a pie como de los escritores. Nuria Amat es licenciada en Filosofía y Letras y doctora en Ciencias de la Información, y en sus textos estas disciplinas aparentemente tan lejanas se perciben como complementarias y cómplices. “Lo scrittore informatizzato” se presenta como un ensayo, aunque falto de bibliografía, en el cual la autora preconiza la posibilidad futura de que el uso de los ordenadores y la llegada de los lectores de libros electrónicos provoquen la ciberadicción. El relato que da el título a la obra se presenta como un cuento en primera persona, supuestamente autobiográfico. El ladrón de libros no es alguien que robe materialmente los libros, como sucede al personaje de “Storia personale del libro” (23), sino todo aquel que dé forma escrita a sus ideas, fenómeno que se produce siempre a través de un proceso de falsificación. También en este caso, resuenan las palabras de Borges en epígrafe a “Fervor de Buenos Aires”: “Si las páginas de este libro consienten algún verso feliz, perdóneme el lector la descortesía de haberlo usurpado yo, previamente. Nuestras nada poco difieren; es trivial y fortuita la circunstancia de que seas tú el lector de estos ejercicios, y yo su redactor” (Jorge Luis Borges, Tutte le Opere, a cura di Domenico Porzio, Arnoldo Mondadori Editore, 1984: 8).
Los ordenadores permiten a los personajes de Amat deconstruir frases y textos para volver a crear nuevos textos; entre personas y máquinas se establece casi una relación física mediante otra forma de hacer sexo, en un laboratorio informático que la escritora denomina “postribolo terapeutico” (127). Para Amat, el poeta, el amante, el místico y el programador comparten la condición de ser animales nocturnos: “non ci sono influenze esterne, siamo posseduti” (126). En “Linguaggio assassino” la programadora Berenice utiliza su ordenador para encontrar un medio que le permita matar a su ex novio, encontrándolo en un texto escrito por su ordenador. Aquí también es dificil no pensar en el universo borgiano: “mi parlò dell’affinità che univa il suo linguaggio all’arte della cabala: la combinazione delle parole offriva come risultato dei displays affascinanti, come se l’unità centrale del processo fosse stregata” (142).
Asimismo, en el relato con el larguísimo título “Discorso d’ammissione all’Accademia di Scrittori Intelligenti e Macchine Superintelligenti, di Nuria Amat, e risposta da parte dell’accademica Intelcomp 45, n° di serie 2184, di nome Conrad”, Amat nos introduce en un juego narrativo basado en la posibilidad de los ordenadores de ser autores de textos y en la imposibilidad de distinguirlos de los seres humanos. En la respuesta de “Intelcomp 45” se hace hincapié en el hecho de que “si pubblicano opere ‘d’autore’ che si direbbero scritte da macchine ‘intelligenti’” (pág. 156); el uso del apellido Conrad como nombre de la académica juega con la referencia literaria al autor inglés y con la ambigüedad entre hombre y máquina entre género masculino y femenino. A su vez, la escritora se convierte en un personaje de ficción, Nuria Amat-Spielman, autora de un libro titulado La revolución del conocimiento, publicado por la editorial Saura & Palés.
En definitiva, hay que agradecer a Pérez Vicente y Luzi su difícil labor, que pone al alcance del lector italiano un libro fascinante y polifacético; en efecto, El ladrón de libros y otras bibliomanías supone un verdadero reto para el traductor, ya que hay que comprender la compleja prosa de Amat y desenmarañar el entramado de referencias literarias explícitas e implícitas, de autobiográfia y novela, de estilo ensayístico y narrativo que la compone. Es un reto que las traductoras superan con éxito, debido especialmente a su correcta comprensión de la hibridación del castellano “impuro” de Amat ‒ según sus propias palabras ‒ con el catalán, y a una particular sensibilidad para reconocer y expresar en italiano la polisemia que lo caracteriza.

http://www.aispi.it/wp-content/uploads/cuadernosaispi_8_2016_resenas.pdf

 
Tintas. Quaderni di letterature iberiche e iberoamericane
Eum Redazione

Di Simone Cattaneo, Tintas. Quaderni di letterature iberiche e iberoamericane, 6 (2016), pp. 141-143. issn: 2240-5437, http://riviste.unimi.it/index.php/tintas

La traduzione italiana di El ladrón de libros y otras bibliomanías di primo acchito sembra rispondere, come sottolinea Pérez Vicente (p. 5), alla volontà di far conoscere nella nostra penisola Nuria Amat (Barcellona, 1950), una scrittrice molto apprezzata nei circoli intellettuali spagnoli e catalani in cui lettura e scrittura vengono considerate uno strano, ma assolutamente necessario, modo di vivere. Tale impressione viene rafforzata se si presta attenzione all’anno di uscita dell’originale (1988) e ai temi portanti: i libri e il rapporto tra la pagina stampata e i computer. È innegabile infatti che, in entrambi i casi, il quarto di secolo intercorso tra la stesura del testo e l’attualità sia stato testimone di importanti cambiamenti: nell’ambito dell’editoria si è assistito all’affermarsi di un mercato sempre più globale e incline alla promozione dei best-seller, mentre sul fronte informatico si sono sviluppati tecnologie e dispositivi (dall’ipertesto all’e-book, dai videogames ai romanzi interattivi online, ai tablet, ecc.) che hanno costretto a tornare a interrogarsi sull’atto del leggere o sul concetto di ‘narrazione’. Eppure, paradossalmente, è proprio in questi frangenti che gli scritti di Nuria Amat dimostrano una buona tenuta allo scorrere del tempo, imponendosi come riflessioni non ancora superate e offrendo ulteriore materiale a chi oggi cerca di orientarsi nel labirinto di un Minotauro metà lettore e metà cibernauta.
La struttura e l’impostazione dell’opera ne rivelano fin da subito la modernità perché i tasselli che la compongono attraversano di continuo le labili frontiere delle memorie personali, del racconto e del saggio, tessendo una rete testuale dalle molteplici ramificazioni, minata di continuo da quella specie di realtà virtuale o aumentata che è l’autofinzione. Anzi, è proprio il dipanarsi sottotraccia di una storia personale a dare coesione a Il ladro di libri e altre bibliomanie, in un doppio movimento esistenziale e culturale che, legato da un nodo gordiano, va dall’infanzia all’età adulta e dal libro cartaceo ai pixel, in un’intelligente reazione a catena tra tradizione e postmodernità, in cui un polo non esclude l’altro, ma, al contrario, si erge a punto di appoggio per una scrittura e una lettura sempre più consapevoli e profonde, anche perché alla base di questa tensione vi è l’impulso, prevalentemente umano, della creazione. Di fatto, un’altra possibile chiave di lettura, sulla falsariga della transizione dalla fanciullezza alla maturità, è quella che conduce dalla materialità dell’oggetto ‒ da una conoscenza legata quindi al senso del tatto ‒ alla volatilità delle parole, dei dati e della mente, sintomi di autonomia intellettuale, libertà e coscienza di sé.
L’ingegnosa boîte en-valise di Amat si apre con una sorta di diario o confessione, “Storia personale del libro”, in cui è appunto la dimensione empirica delle pagine a prevalere: è lì, nella fisicità della rilegatura, del formato, dove la piccola protagonista scova la porta di accesso a quello che sarà anche un amore platonico, costantemente associato però all’idea della presenza, all’azione di comprare, osservare o rubare, vissuta come l’impossessarsi di un talismano misterioso in grado di proteggere dalla timidezza o dall’assurdità del mondo: «Il libro è l’oggetto più appariscente; tra gli oggetti seduttori forse è il più puro dal momento che (parafrasando Baudrillard) alla memoria e alla ricchezza del pensiero accompagna il suo silenzio, la sua freddezza» (p. 25). I libri, in seguito, si moltiplicano, edificano barriere e diventano biblioteche da godersi e da spiare, sfingi che nascondono l’enigma del carattere dei loro proprietari, esseri insonni o assurdi che, su file di scaffali, provano a ricostruire il proprio volto.
Alla relazione tra scrittori o bibliomani e l’arte di accumulare volumi è dedicato il saggio “La biblioteca che altri chiamano l’universo”, una chiara strizzata d’occhio borgesiana in cui si spulcia tra le letture di autori noti (Petrarca, Proust, García Márquez, Juan Goytisolo, ecc.) alla ricerca dei testi mai letti o perduti: «È pertanto certo che un libro ‒ come annota Borges ‒ si legge per la memoria ma non è meno vero aggiungere che si legge anche per l’oblio, dal momento che è solo a partire dalla dimenticanza, e dallo sforzo e dall’impegno costante di dover ricorrere al ricordo, che possiamo sviluppare la nostra immaginazione e in fin dei conti la nostra attività intellettuale e creativa» (p. 55). Si riprende poi il filone vincolato al possesso di opere più o meno prestigiose, riportando alcuni aneddoti riguardo a follie o crimini commessi a causa dei libri, senza tralasciare il timore più grande di qualsiasi collezionista: il fuoco che divora carta e parole restituendo fumo e silenzio.
L’ossessione libresca ritorna in “Diagnosi della malattia, quattro casi di bibliomani e una bibliografia”, bizzarro polittico in cui spiccano i ritratti di infervorati bibliofili disposti a tutto pur di essere gli unici possessori di un’edizione dell’Eneide stampata da Aldo Pio Manunzio, oppure affetti dalla smania di aggiungere nuove acquisizioni a un catalogo pressoché sconfinato, o propensi a sacrificare ogni cosa pur di non dover rinunciare al conforto dei tomi sfogliati e accarezzati in stanze stipate all’inverosimile, incuranti dei limiti architettonici degli edifici o degli equilibri, ancor più precari, delle relazioni amorose.
Se fino ad ora però Amat ha ordito un canto ironico e appassionato al libro classico, dotato di un’aura quasi mitica, o comunque contraddistinto da un fascino ambiguo in continuo dialogo con la psicologia dell’individuo, ecco che a partire da “Lo scrittore informatizzato” introduce la componente tecnologica all’interno del mondo analogico delle lettere, svelando le contraddizioni e le possibilità inedite sorte dall’interazione tra il foglio bianco e lo schermo, dall’oscillare tra un supporto cartaceo e uno elettronico, sottolineando i pregi, i difetti e le potenzialità sia dell’uno che dell’altro, in un’auspicata convivenza pacifica determinata da un approccio cosciente e lungimirante. Al centro di questa ragnatela, di fatto, vi è l’essere umano, e l’autrice insiste a più riprese nel porre in evidenza che sono proprio le apparenti debolezze dell’uomo a garantirgli una netta superiorità rispetto ai computer, in particolare nel campo creativo, poiché grazie all’impossibilità di memorizzare ogni dettaglio riusciamo a far sedimentare in noi le opere altrui, ad assimilarle e a infondere in esse una vitalità che le rinnova e le potenzia: «La macchina non può dimenticare. In questo siamo ancora in vantaggio noi. Inoltre, l’impegno profuso nel memorizzare citazioni, passaggi e idee di altri autori può portarci a paralizzare la mente fino al punto di impedirle la creazione di qualcosa di nuovo, originale e peculiare. Quindi – per ciò che concerne il lavoro dello scrittore ‒ non è così rilevante memorizzare minuziosamente […] quanto il fatto di essere capaci ‒ attraverso la dimenticanza conseguente ad una lettura creativa ‒ di reinventare quelle o altre storie» (p. 108).
Da queste ‘premesse’ teoriche nasce il racconto “Il ladro di libri”, tra le cui righe riaffiorano, in un gioco metaletterario, memoria e citazione, giacché la narratrice rivela la sua tecnica di scrittura, confidando al lettore che tutte le sue opere sono soltanto mosaici di frasi espunte da altri testi, perché nessuno, nello stringere tra le dita una penna per narrare, può sottrarsi a questa specie di cleptomania inconscia. La sua carriera di programmatrice informatica la spingerà in seguito a portare all’estremo questo approccio meccanico, ideando un programma per confezionare automaticamente libri.
“Linguaggio assassino” è quasi un prolungamento ideale dell’esperimento anteriore perché, oltre a sfruttare un io narrante affine, la protagonista, Berenice, vuole vendicarsi di una delusione sentimentale e delle umiliazioni subite fondendo linguaggio informatico e linguaggio umano, con il solo fine di causare la morte dell’ex convivente.
Una volta sovrapposti i due poli attorno a cui ruota Il ladro di libri e altre bibliomanie, Amat chiosa quanto riportato con un graffiante “Discorso di ammissione all’Accademia di Scrittori Intelligenti e Macchine Superintelligenti, di Nuria Amat, e risposta da parte dell’accademica intelcomp 45, n° di serie 2184, di nome Conrad”, dove, pur apprezzando l’accesso libero all’informazione per mezzo di Internet, non rinuncia, appellandosi alle proprie conoscenze biblioteconomiche, a porre l’accento sull’importanza della metodologia nel consultare archivi e documenti all’interno di una massa di saperi ogni giorno più vasti e specifici, segnalando inoltre il rischio, da parte di scienziati e umanisti, di produrre elaborati di scarsa originalità, collages di quanto raccolto durante le ore di navigazione, molto simili ai testi sfornati in serie dal computer di “Il ladro di libri”, studi asettici e puntigliosi, privi di quell’oblio che è lo stigma della creatività, destinati a ingrossare il maremagnum di saggi e articoli in cui si fatica a separare i contributi di qualità dagli apporti mediocri, sostituendo così il tempo della lettura con quello della cernita. In un procedimento parodico e sottilmente caustico, la Macchina Superintelligente intelcomp 45, controbatte ogni singola argomentazione e prova una stoccata finale che dischiude il paradosso dell’impossibilità di comprendere a chi appartenga davvero l’ultima parola: «Il mio suggerimento sulla questione sarebbe quello di apprendere come apprendere ciò che ormai non deve fare uno scrittore di fronte a una tecnologia che lo sfida nei procedimenti più banali e meccanici della scrittura» (p. 158). Si tratta, ovviamente, dell’ennesimo gioco di specchi concesso dall’estrema flessibilità della letteratura: il lettore ha tra le mani un libro cartaceo e sa benissimo che a muovere le fila della finzione può essere soltanto l’estro di Nuria Amat.

 
Finalmente tradotto anche in Italia l’intrigante volume di Nuria Amat IL LADRO DI LIBRI E ALTRE BIBLIOMANIE
Giancarlo Petrella

Il Giornale di Brescia, lunedì 26 settembre 2016

Nel 1836 sulla Gazette des Tribunaux apparve, in forma anonima, una vicenda che si pretendeva realmente accaduta e riguardava un libraio di Barcellona di nome Don Vincente, colpevole di alcuni omicidi commessi per procacciarsi libri di straordinaria rarità. La vicenda, a lungo ritenuta vera, ispirò di lì a poco un delizioso racconto del giovane Flaubert dal titolo, appunto, «Bibliomania». Racconta di Giacomo, un libraio ex monaco, che viene accusato di aver ucciso un collega e altre due persone per mettere le mani su una preziosissima Bibbia a stampa che riteneva essere esemplare unico.
Appartengono di diritto a questo filone, sebbene la bibliomania non raggiunga qui esiti tanto perniciosi, i quattro racconti che fanno parte del più ampio e intrigante «Il ladro di libri e altre bibliomanie» della spagnola Nuria Amat, pubblicato nel 1988 («El ladrón de libros») ma solo di recente apparso in traduzione italiana a cura di Nuria Pérez Vicente ed Eleonora Luzi per la casa editrice Eum dell’Università di Macerata (158 pagine, 15 euro). Nell’opera, la cui traduzione italiana avrebbe certamente accolto con gioia Umberto Eco, convivono, con raffinato equilibrio condito da una buona dose di ironia, le riflessioni della bibliofila che giocava col fratello nell’immensa biblioteca paterna, della bambina precoce collezionista di messali, della scrittrice che intesse «un libro sul libro», della bibliotecaria che riflette sull’ordine bibliografico, della studiosa infine che ragiona sul futuro del libro dopo l’avvento delle nuove tecnologie.
Ma si torni, come detto, al tema centrale dell’amore passionale per i libri, declinato nella forma più assoluta e patologica. Col titolo «Diagnosi della malattia, quattro casi di bibliomani e una bibliografia» Nuria Amat offre al lettore altrettanti esempi di bibliomania. In apertura la vicenda di lord James Spencer, possessore di una superba collezione di esemplari rarissimi se non unici, capace di lanciare tra le fiamme un libro a lungo inseguito e per il quale non aveva esitato a sborsare una cifra spropositata solo per assicurarsi, con tale gesto strampalato, che la copia già in suo possesso restasse così davvero l’unica conosciuta. Protagonista dell’ultimo delizioso racconto breve è invece una coppia composta, manco a dirlo, da due irriducibili bibliomani, le cui vicissitudini matrimoniali dipendono proprio dai libri.

 
Polizia e democrazia
Eum Redazione

di Michele Turazza, Polizia e democrazia, n. 170, gennaio-febbraio 2016

“Coloro che sono contagiati dalla passione bibliomane non sono soliti confessare enigmi e vicissitudini che derivano dal loro amore per i libri. Noi che ne nutriamo il culto condividiamo con il libro una sorta di intimità rispettosa, sacra e preclusa agli altri. È forse la bibliomania una malattia di cui provare vergogna?".
Chi sono i bibliomani? Quali grandi autori lo sono stati? Come erano le loro biblioteche? Che futuro ha il libro di carta? Sono domande cui cerca di dare una risposta Nuria Amat, l'Autrice spagnola di questo metalibro, ancora poco nota in Italia e finalmente pubblicata per i tipi delle Edizioni Università di Macerata. “Non ho l'abitudine di prestare libri indiscriminatamente e quando mi decido a farlo non prendo nota del prestito perché lascio i libri solo agli amici e gli amici intimi sono sempre pochi”.

 
Pagina:1