eum

edizioni università di macerata

sottoscrivi Newsletter

Valuta: €

Carrello  

Non ci sono prodotti

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Cassa

resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
«Ad Maiorem Dei Gloriam» Mostra a grandezza intera

 
 

Informazioni

«Ad Maiorem Dei Gloriam»

Istituti religiosi, educazione e scuola nell’Italia moderna e contemporanea

Sani Roberto

eum dir

Disponibilità: disponibile

21,25 €

Prezzo ridotto!

-15%

25,00 €

Note sul testo

Il presente volume ricostruisce l’operato degli istituti religiosi insegnanti sorti in epoca moderna e contemporanea, dei quali indaga non solamente gli aspetti relativi alla vita interna (origini, regole e costituzioni, spiritualità dei fondatori, organizzazione ecc.), ma anche, e soprattutto, le caratteristiche e dimensioni della loro presenza sociale, ossia il ruolo e l’incidenza che essi hanno avuto sul terreno caritativo-assistenziale e su quello più propriamente educativo e scolastico. Alla base di tale volume si collocano talune sollecitazioni offerte dalla più recente storiografia italiana ed europea sull’operato degli istituti religiosi di antica e recente fondazione e, più in generale, sulle iniziative educative della Chiesa nell’età moderna e contemporanea. La prima sollecitazione attiene al ruolo, ancora largamente da approfondire nelle sue molteplici dimensioni e caratteristiche, esercitato dagli ordini religiosi sorti in Italia e nel resto d’Europa a partire dai primi decenni del secolo XVI non solonella formazione della gioventù delle élites e dei ceti aristocratici e borghesi, ma anche nei processi di alfabetizzazione e scolarizzazione delle classi popolari. Il volume si sofferma altresì sui mutamenti che, all’indomani della stagione rivoluzionaria, hanno contrassegnato la vita religiosa in Europa e reso possibile la fioritura di una gran messe di istituti regolari di vita attiva, i quali elessero come ambiti privilegiati – e talora esclusivi – del loro apostolato caritativo quelli compresi nella vasta gamma dell’assistenza alla gioventù povera e negletta, del recupero dei minori «pericolanti» e maggiormente a rischio dal punto di vista morale, della cura degli orfani e dell’infanzia abbandonata, dell’istruzione ed educazione civile e religiosa dei fanciulli e ragazzi d’ambo i sessi, della catechesi e dell’animazione cristiana nelle parrocchie; nonché sul ruolo esercitato dai nuovi istituti religiosi sorti nel corso dell’Ottocento nel rinnovamento dei modelli educativi e delle istituzioni e pratiche scolastiche ereditati dall’ancien régime e, più in generale, nei processi di modernizzazione dei sistemi formativi nazionali dei secoli XIX e XX.

Note sull'autore

Roberto Sani (Roma 1958) è professore ordinario di Storia dell’educazione nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Macerata. Coordinatore del dottorato di ricerca in Theory and History of Education e direttore del «Centro di documentazione e ricerca sulla storia dell’educazionee delle istituzioni scolastiche» del medesimo Ateneo, ha fondato e dirige la rivista scientifica internazionale «History of Education & Children’s Literature». È autore di diversi volumi e di numerosi saggi e articoli sulla storia dell’educazione e delle istituzioni scolastiche in epoca moderna e contemporanea e sulla politica scolastica italiana tra Otto e Novecento.

Note
torrossastore Casalini site for e-commerce: http://digital.casalini.it/9788860561398

  • Autore/i Sani Roberto
  • Codice ISBN 978-88-6056-139-8
  • Numero pagine 382
  • Formato 14x21
  • Anno 2009
  • Editore © 2009 eum edizioni università di Macerata
History of Education & Children’s Literature (HECL) V/1 2010
Eum Redazione

Michel Ostenc recensisce il volume «Ad Maiorem Dei Gloriam» Istituti religiosi, educazione e scuola nell’Italia moderna e contemporanea di Roberto Sani sulle pagine di «History of Education & Children’s Literature» (HECL), V, 1, 2010, pp. 463-465

“L’ouvrage de Roberto Sani complète ses études antérieures sur les congregations féminines enseignantes dans la Rome pontificale, sur les Filles de la Providence et les Sœurs de la Charité pendant la Restauration; mais les chapitres du livre concernant les institutions religieuses en Lombardie sont inédits…”

La recensione completa è disponibile nella sezione Download.

 
Rivista di Scienze dell'Educazione della Pontificia Facoltà Auxilium
Eum Redazione

di Rachele Lanfranchi, anno XLVIII n.3 maggio agosto 2010

Il presente volume, come dice l'Autore, «raccoglie una serie di studi già apparsi, fra il 1994 e il 2007, in volumi collettanei o su riviste specializzate, e qui riproposti in una versione ampiamente rivisitata e aggiornata sotto il profilo bibliografico» (p. 10).
Si tratta di un lavoro che ha recepito le sollecitazioni offerte dalla più recente storiografia italiana ed europea sull'attività degli istituti religiosi di antica e recente fondazione e, più in generale, sulle iniziative educative della Chiesa nell'età moderna e contemporanea. Il titolo Ad maiorem Dei gloriam rimanda ad un'affermazione molto nota e familiare nell'ambito della Compagnia di Gesù, tanto da divenire il motto dei Gesuiti. Un'affermazione a cui si rifanno, esplicitamente o implicitamente, tutti i fondatori e le fondatrici di congregazioni religiose di vita attiva, sorte tra il XVI e il XX secolo, nel senso che la motivazione che sta al centro e sorregge il loro vissuto e la loro azione è la "gloria di Dio" e "la salvezza delle anime". Il volume si compone di sette capitoli che, dopo una nutrita presentazione delle strategie educative e istituzioni scolastiche delle congregazioni e degli ordini religiosi nei secoli XVI-XVIII (cap. I), si soffermano sugli indirizzi spirituali e sulle proposte educative dei nuovi istituti religiosi dell'Ottocento sia in area lombarda che nella Roma pontificia e su alcune figure significative di religiosi e religiose (capp. Il, III, VI). Vengono così presentati don Severino Fabriani che, nella prima metà dell'Ottocento, fonda a Modena le Figlie della Provvidenza per l'educazione ed istruzione delle sordomute (cap. IV), dando rilievo alla sua spiritualità e alla sua proposta educativa. Figura di spicco è pure Suor Rosalie Thouret, nipote e segretaria di Jeanne-Antide Thouret fondatrice delle suore della carità, che a Modena, dove le Suore sono state chiamate dal duca Francesco IV, fonda una nuova Provincia religiosa e promuove innumerevoli iniziative a carattere assistenziale ed educativo rivolte, in modo particolare, alle fasce più povere della popolazione e alle nuove generazioni (cap. V). Di padre Francesco Pianzola, fondatore delle Suore Missionarie dell'Immacolata "Regina Pacis", viene posto in luce il suo impegno nella pastorale e nell'educazione della gioventù nei primi quarant'anni del secolo scorso (cap. VII). La validità del volume è data, oltre che dall'organica e corretta presentazione dei temi, dalla ricca e aggiornata bibliografia di cui ogni capitolo è corredato, nonché dai molti fondi archivistici consultati, il cui elenco è posto all'inizio del volume (pp. 16-20).
Il lavoro del prof. Sani incoraggia a proseguire in un filone di ricerca che ha ancora molto da sondare e da dire: l'approfondimento dell'operato e delle iniziative degli istituti religiosi maschili e femminili così da porre in evidenza il ruolo e l'incidenza che hanno avuto sul terreno caritativo-assistenziale, ma più ancora su quello più propriamente educativo e scolastico.

 
Pagina:1