eum

edizioni università di macerata

sottoscrivi Newsletter

Valuta: €

Carrello  

Non ci sono prodotti

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Cassa

 
resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
Crisi della famiglia e diritto alla «bigenitorialità» Mostra a grandezza intera

 
 

Informazioni

Crisi della famiglia e diritto alla «bigenitorialità»

L’affidamento dei figli dopo la legge n. 54/2006

Febbrajo Tommaso

eum x

Disponibilità: disponibile

13,30 €

Prezzo ridotto!

-5%

14,00 €

Note sul testo

Il diritto del minore alla bigenitorialità, ossia al mantenimento di rapporti significativi e continui con entrambi i genitori anche in seguito alla crisi del vincolo coniugale, nonostante la sua indiscutibile cogenza all’interno dell’ordinamento (si pensi all’art. 30 Cost.), ha da sempre avuto una controversa applicazione pratica.
Con un atteggiamento unanimemente condiviso sino alla recente riforma del 2006, presso le Corti si riteneva che in caso di separazione e di divorzio, l’«interesse del minore» da perseguire fosse quello alla stabilità, ossia ad essere coinvolto il meno possibile nella conflittualità in atto tra i genitori. Per converso, l’affidamento bigenitoriale (che la riforma del divorzio del 1987 declinava nelle forme di affidamento «congiunto» e «alternato») non trovava spazio nella prassi giurisprudenziale, se non nelle ipotesi eccezionali di crisi della famiglia «aconflittuale» e in presenza di una concorde richiesta di entrambi i genitori.
La legge n. 54 del 2006 si inserisce in questo quadro con l’obiettivo di affermare il diritto del minore alla bigenitorialità (definito come il diritto del minore di mantenere, anche in caso di separazione personale dei genitori, «un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con i parenti di ciascun ramo genitoriale»), superando la tradizionale logica monogenitoriale applicata dalle Corti. Si avverte, così, l’esigenza di individuare i profili disciplinari dell’affidamento dei figli dopo la legge n. 54 del 2006, in primo luogo individuando l’ambito di applicazione dell’affidamento esclusivo e dell’affidamento condiviso ed in secondo luogo specificando, anche alla luce della giurisprudenza tradizionale e più recente, i contenuti «giuridico-formali» (relativi, cioè, alla potestà genitoriale) e «materiali» (relativi alla convivenza con il minore) delle due modalità di affidamento.

Note sull'autore

Tommaso Febbrajo, ricercatore di Diritto privato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Macerata. E’ autore di monografie, saggi, commenti alla giurisprudenza ed altri lavori minori.

  • Autore/i Febbrajo Tommaso
  • Codice ISBN (print) 978-88-6056-152-7
  • Numero pagine 237
  • Formato 14,5x20,5
  • Anno 2008
  • Editore © 2008 eum edizioni università di Macerata

Nessuna recensione per il momento.