eum

edizioni università di macerata

sottoscrivi Newsletter

Valuta: €

Carrello  

Non ci sono prodotti

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Carrello Cassa

resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept
Exame das tradiçoẽs phariseas Esame delle tradizioni farisee (1624) Mostra a grandezza intera

 
 

Informazioni

Exame das tradiçoẽs phariseas Esame delle tradizioni farisee (1624)

saggio introduttivo, testo critico, traduzione e commento a cura di Omero Proietti

Costa Uriel da, Proietti Omero

Disponibilità: disponibile

24,00 €

Prezzo ridotto!

-20%

30,00 €

Note sul testo

Scoperto soltanto nel 1990, nell’unica copia sopravvissuta, l’Exame das tradiçoẽs phariseas (1624) è un punto di raccordo essenziale tra la tradizione averroistica dei marrani iberici e il pensiero di Spinoza.
Questo libro fornisce un nuovo profilo biografico-intellettuale di Uriel da Costa. Ne ricostruisce attentamente il corpus delle opere, da secoli deturpato da falsificazioni e false attribuzioni. Dopo averlo vagliato criticamente, offre il testo portoghese dell’Exame, accompagnandolo con un vasto regesto delle fonti, un ampio commento e una traduzione italiana.

Note sull'autore

Omero Proietti insegna Storia della filosofia moderna nell’Università di Macerata. Tra i suoi libri: La città divisa. Flavio Giuseppe, Spinoza e i farisei (2003); Uriel da Costa e l’«Exemplar humanae vitae» (2005); «Agnostos theos». Il carteggio Spinoza-Oldenburg, 1675-1676 (2006). Nel 2005 è uscita la sua edizione critica del Tractatus politicus (Puf, Paris). Nel 2007 ha tradotto e annotato il Tractatus theologico-politicus, il Tractatus politicus, molte Epistolae spinoziane (Mondadori, Milano).
Di lui, le eum hanno già pubblicato: «Philedonius», 1657. Spinoza, Van den Enden e i classici latini (2010); Il carteggio Van Gent-Tschirnhaus (1679-1690). Storia, cronistoria, contesto dell’editio posthuma spinoziana (2013, in collaborazione con G. Licata).

Indice

Saggio introduttivo

Exame das tradiçoẽs phariseas
Testo critico, apparato delle fonti, commento
Nota editoriale

Esame delle tradizioni farisee
Traduzione italiana e commento

Appendice iconografica

Bibliografia ragionata

Indice dei luoghi biblici

Indice dei luoghi misnaici e talmudici

Indice analitico dei nomi

Note

Spinozana. Fonti e studi per la storia dello spinozismo. Collana diretta da Filippo Mignini.

In copertina: Joan Blaeu, Atlas maior (1665). Portogallo del Nord e del Centro

  • Autore/i Costa Uriel da, Proietti Omero
  • Codice ISBN 978-88-6056-403-0
  • Linea Editoriale eum dir
  • Numero pagine 723
  • Formato 14x21
  • Anno 2014
  • Editore © 2014 eum edizioni università di Macerata
Materia giudaica. Rivista dell’associazione italiana per lo studio del giudaismo
Eum Redazione

Saverio Campanini, Recensione a: Uriel da Costa, Exame das tradiçoẽs phariseas. Esame delle tradizioni farisee (1624), in «Materia giudaica. Rivista dell’associazione italiana per lo studio del giudaismo», 22 (2017), pp. 294-295.

Segnaliamo ampi brani della recensione che Campanini ha dedicato al libro. La recensione completa si può trovare nel sito: http://www.giuntina.it/


Lo scettico Woland, parte di quella forza che “sempre vuole il male ma fa sempre il bene”, lo aveva detto: i manoscritti non bruciano, variando così, nella prosa bulgakoviana, la locuzione proverbiale secondo cui scripta manent. Anche i libri a stampa, talora, mostrano la stessa resilienza alle foghe censorie e alle fiamme inquisitoriali. Un caso lampante è rappresentato senza dubbio dall’Exame das tradiçoẽs phariseas di Uriel da Costa, stampato nel 1624 ad Amsterdam da Paul van Ravesteyn, e ben presto scomparso dai radar bibliografici non meno che dagli scaffali delle biblioteche. Non del tutto, però: si sapeva (da Révah e, di nuovo, da Harm den Boer), che l’inquisiziane spagnola aveva avuto traccia del libro maledetto, denunciato dai dirigenti della comunità ebraica di Amsterdam ma non meno sulfureo, per la negazione dell’immortalità dell’anima, per le autorità cristiane. Era noto, inoltre, che una copia dell’Exame, rilegata insieme al Tratado da immortalidade di Samuel da Silva che lo anticipa polemicamente, era stata offerta all’asta all’Aia nel 1728, parte del lascito di David Nunes Torres. È merito di Herman Prins Salomon aver riportato alla luce questo volume, che si nascondeva nella Biblioteca Reale di Copenhagen ([cfr.] «Studia Rosenthaliana» 24 [1990], pp. 153-168). Salomon, insieme a Isaac S. D. Sassoon, ha poi pubblicato un fac-simile di quel rarissimum, con traduzione inglese e commento ([…] Brill, Leiden 1993).
Omero Proietti ha il merito, ormai da oltre un decennio, di avere cercato di trarre tutte le conseguenze, filologiche e storiche, che da quella scoperta discendono, proponendo vaste ricostruzioni, nuove attribuzioni e riletture non solo del corpus dacostiano ma, per conseguenza, anche delle opere di Leone Modena poiché, per l’eccessivo zelo riformatore di Reggio e Geiger, essi avevano finito per confondere le acque, togliendo a Da Costa il merito, o lo stigma (questione di punti di vista) di aver messo radicalmente in discussione la tradizione rabbinica e le sue pretese egemoniche sull’ebraismo. Anzitutto però, la riscoperta dell’Exame rendeva urgente una revisione dell’autobiografia, quell’Exemplar humanae vitae, tradizionalmente attribuito a Da Costa ma sul quale la mano di Philipp van Limborch, e i suoi intenti assai poco amichevoli verso l’autonomia ebraica, avevano massicciamente pesato, proprio ciò che offre il volume di Omero Proietti, Uriel da Costa e l’«Exemplar humanae vitae», apparso a Macerata, presso l’editore Quodlibet, nel 2005. Ma già l’anno precedente («La voce di De Acosta [= 431]». Sul vero autore del Qol Sakhal, in «La Rassegna Mensile di Israel» 70, 3 [2004], pp. 33-54) Proietti aveva proposto di vedere nell’opera contro la quale Leone Modena progettava di scrivere una compiuta confutazione, di cui ci resta solo un abbozzo, un altro frutto della penna di Uriel da Costa, altrimenti perduto. Questa ultima identificazione, pur argomentata in modo piuttosto stringente, non ha suscitato approvazione unanime (cfr. la prudente rassegna di Guliano Tamani […] in «Materia Giudaica» XV-XVI [2010-2011], pp. 251-257).
Tuttavia non è in alcun modo necessario aderire a tutte le ipotesi, molte delle quali confermate ad abundantiam, di Proietti per immergersi nella lettura di questo massiccio volume. Anzi, si potrebbe osservare che, dopo aver letto l’ampia introduzione al libro, è l’opera di Da Costa, l’Exame, a imporsi all’attenzione e semmai a poter dare le risposte che ancora si lasciano attendere per far luce su un capitolo, molto noto, ma con larghe zone oscure, dell’impatto della cultura e delle floride attività commerciali dei marrani tra Amburgo e Amsterdam nella prima metà del XVII secolo. La cura filologica del volume, la puntualità della traduzione, la ricchezza di apparati (compresa una utile rassegna iconografica) sono altrettante raccomandazioni non a monumentalizzare la controversa opera di Uriel da Costa, ma a leggerla con sguardo impregiudicato, in virtù tra l’altro della restituzione, veramente impressionante, dell’autentico dettato portoghese, sfigurato nella princeps da tipografi meno che competenti, nonché della limpida traduzione italiana. La meritoria operazione culturale di Proietti […] rend[e] possibile, a parere di chi scrive, non solo (ri-)leggere Da Costa e ripensare Spinoza (anche in virtù dell’altro volume, […] a cura di Omero Proietti e Giovanni Licata, Tradizione e illuminismo in Uriel da Costa. Fonti, temi, questioni dell’«Exame das tradiçoẽs phariseas», Eum, Macerata 2016), ma anche lo stesso Leone Modena […].

La recensione completa si può trovare nel sito: http://www.giuntina.it/

 
Shalom
Di Riccardo Calimani, Shalom, maggio 2016, p. 22


Esame delle tradizioni farisee (1624): questo il titolo del saggio pubblicato per la prima volta nel 1624, di Uriel da Costa, edito da EUM Edizioni Università di Macerata, un testo straordinario con un commento di Omero Proietti altrettanto ragguardevole. Come è noto contemporaneo di Spinoza, da Costa fu una figura di spicco e le sue vicende sia intellettuali che terrene suscitarono notevole scalpore sia per l'audacia delle sue testi religiose, sia per i suoi comportamenti di fronte alle autorità olandesi. Un’edizione preziosa, per conoscere meglio il mondo dei sefarditi di Amsterdam.

Rivista Shalom

 
Pagina:1