eum

edizioni università di macerata

subscribe to Newsletter

Currency: €

Cart  

No products

0,00 € Shipping
0,00 € Total

Cart Check out

 
resep masakan >resep masakan Adi Sucipto News and Entertainment delicious recipe berita bola jual obral pojok game recept

Visioni postmoderne. Percorsi teorici e testuali ne Le città invisibili di Italo Calvino

Michela Meschini

8,55 €

Reduced price!

-5%

9,00 €

The volume examines the legacy of postmodernism, focusing attention on its literary and philosophical values through a dual research that associates textual surveys with its theoretical path. The first chapter offers a reinterpretation of the international debate on post-modernity in light of the most recent critical developments, with the aim of overcoming the theoretical bipolarity that marked the appearance and circulation of the postmodern paradigm in the Italian context. Particular attention is given to the philosophical and narrative implications, which is inherent in a discontinuous and fragmented vision of their historical background. The second chapter analyzes a textual confirmation of the post-modern aesthetic traits in Italo Calvino’s “Le città invisibili”, providing a stylistic and thematic analysis in relation to narrative discontinuity, the ambiguity of urban visions and reflection on temporality. The result is the ethical purpose of a work that is not exhausted through its linguistic and narrative structures, but that intercepts, through its visionary force, the ontological issues of post-modernity.

About the Author
Michela Meschini is a researcher in Literary Criticism and Comparative Literature at the University of Macerata. For EUM she has supervised the collection of Edith Bruck’s poems Versi vissuti. Poesie (1975-1990) (2018) and, together with Carla Carotenuto, Scrittura, migrazione, identità in Italia. Voci a confronto (2011). Among her research fields, importance is also given to postcolonial female writing, theoretical-critical issues concerning inter artes relations and the work of Antonio Tabucchi in an interdisciplinary perspective, on which Michela has published several contributions in national and international volumes and magazines.

  • Codice ISBN (print) 978-88-6056-563-1
  • Numero pagine 76
  • Formato 14x21
  • Anno 2018
  • Editore © 2018 eum edizioni università di macerata
La Bottega di Hamlin
Eum Redazione

Michela Meschini e Calvino postmodernista

di Giorgio Cipolletta, La Bottega di Hamlin, 3 novembre 2020

Calvino e il postmodernismo, un connubio perfetto nel dibattito contemporaneo. Ad aiutarci in questo viaggio è Michela Meschini, docente di Critica letteraria e letterature comparate presso l’Università degli Studi di Macerata.
Con il suo saggio Visioni postmoderne. Percorsi teorici e testuali ne Le città invisibili di Italo Calvino edito nel 2018 dalla casa editrice marchigiana eum (Edizioni Università di Macerata), la studiosa esplora le città invisibili calviniane, i suoi labirinti, le sue possibilità molteplici, le forme del tempo, le immagini, le differenze dialogiche, le contraddizioni e le metamorfosi. Il paradigma postmoderno risorge più problematico che mai nell’attualità e nel dibattito internazionale.

La trama
Nel 1979 con La condition postmoderne di Jean-François Lyotard si inizia a riflettere sulla delegittimazione delle metanarrazioni della modernità, sulla frammentarietà delle forme culturali e contemporaneamente si ascrive una società immersa dentro ad una serie imprevedibile di cambiamenti e trasformazioni.
Se il postmodernismo raccoglie una nuova percezione del tempo e dello spazio, la postmodernità sancisce la sua sovrastruttura (marxiana) estetica e culturale collocandosi dialetticamente nell’età delle trasformazioni, dove anche la conoscenza e la percezione modificano il proprio habitus. Nell’epoca del pensiero debole, così definito da Vattimo e Rovatti, si eleva un senso potente di precarietà accompagnata dalla liquidità tanto cara a Bauman, in cui i new media “rimediano” la loro presenza dentro realtà virtuali e aumentate amplificando la fragilità delle relazioni e dei legami culturali, religiosi e sociali, cortocircuitandosi dentro una globalizzazione asfissiante dei mercati.

La recensione del libro di Michela Meschini
Il postmoderno ancora mantiene viva la sua complessità “esponenziale” e la necessità di un dibattito aperto, plurale e multiplo. In soccorso, Michela Meschini interpella Italo Calvino e le sue città invisibili, come manifesto della “molteplicità”, delle visioni aperte e “ubique”, delle voci, degli atlanti, dove governa il registro delle differenze e allo stesso tempo dello smarrimento del senso storico e del legame con il passato e il senso delle temporalità dell’esperienza.
Il paradigma dispotico e apocalittico del postmoderno, integra il trionfo dell’effimero e della deriva relativistica. Il suffisso post-, ci spiega Meschini, non sta ad evidenziare solamente un “dopo” la modernità, ma piuttosto sancisce un “contro” la modernità stessa e l’età delle ragioni forti. La storia non appartiene più al passato come continuum lineare, ma il tempo storico si forma dentro unità discrete, segmenti, intervalli. L’essere dopo la storia nel saggio di Meschini non sancisce la fine autentica del processo storico, bensì la fine di un’idea di storia. Calvino comprende bene l’esigenza dei tempi, le interconnessioni, delle realtà labirintiche, plurime, accidentali, discontinue e ne sono esempi le forme combinatorie ne Le città invisibili (1972), ne Il castello dei destini incrociati (1973), nel metaromanzo Se una notte d’inverno un viaggiatore (1979) e in Palomar (1983). É nelle Città invisibili che il lettore si perde, nella sua discontinuità retta dallo “sguardo discreto” di Meschini che indaga l’opera enigmatica, la sua reticolare visione postmoderna del mondo.
L’immagine della città, come quella dei sogni, in Calvino propone ambivalenza combinatoria tra matematica e letteratura, seguendo un criterio di alternanza scalare e lo spirito “magico” del viaggiatore irrefrenabile Marco Polo alla corte del Gran Khan Kubilai. La scenografia fantastica del Milione accanto a Le mille e una notte rappresentano simbolicamente quel continente immaginario a cui lo scrittore italiano si ispira. La presa di posizioni di Calvino rovescia i punti di vista, mescola le carte, si sbarazza delle dicotomie connotando il divenire come spazio privilegiato dell’altro.

Michela Meschini in questo saggio denso e profondo scopre le carte del postmodernismo, le sue ambiguità, recuperandone l’etica dell’alterità, “la presa della parola” di Calvino, la frammentazione inestricabile di una complicazione complessam dove l’idea della storia dissemina reticoli e produce possibilità differenti, manifestando un desiderio anti-antropocentrico e sfuggendo dalle centralità testuali per poi acquisire “rime” rizomatiche. In questa esplorazione simbolica del discontinuo che Meschini attraversa, offre al lettore una possibilità di fuga in un gioco irrisolto delle formalità linguistiche strutturali e narrative, dove la forza visionaria di Calvino illumina il dibattito post-moderno e dove il trattino che separa il suffisso non è che il trampolino di lancio per un futuro dove la discontinuità diviene sinonimo di cambiamento e contro direzione.

https://www.labottegadihamlin.it/2020/11/03/michela-meschini-e-calvino-postmodernista/#more-38602

 
Page:1